Errore
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 47
 
 
Disturbi d'Ansia

Disturbi d'Ansia

Si parla di fobie quando si ha a che fare con paure estreme e irrazionali, che non corrispondono ad un pericolo reale, che il soggetto non riesce a controllare e che provocano l’evitamento della situazione oggetto della paura, restringendo le possibilità della persona stessa.

L’individuo è in grado di riconoscere che si tratta di una paura irrazionale, che, tuttavia, sfugge al proprio controllo volontario. Esistono fobie generalizzate che compromettono maggiormente la vita quotidiana (agorafobia e fobia sociale), e fobie specifiche che sono meno invalidanti poiché più semplici da gestire (alcune fobie di animali come ragni, piccioni o serpenti, la fobia del sangue ecc).

Il disturbo post-traumatico da stress insorge inseguito ad un’esperienza traumatica che il soggetto ha vissuto in prima persona o di cui è stato testimone. L’esperienza traumatica può essere stata caratterizzata da gravi minacce all’incolumità propria o di altri, o nella peggiore delle ipotesi, dalla morte. Il disturbo può insorgere anche dopo mesi dall’evento traumatico e può divenire cronico. Il principale sintomo consiste nel rivivere di continuo l’esperienza traumatica mediante pensieri, incubi o immagini mentali.Un altro sintomo è l’evitamento ininterrotto degli stimoli associati al trauma, oppure uno stato di iper-attivazione costante che si esprime con difficoltà ad addormentarsi, problemi di concentrazione, risposte di allarme eccessive. Gli eventi traumatici di cui parliamo possono essere, ad esempio, situazioni di violenza, tortura, disastri naturali o anche incidenti o morte di persone con le quali si ha un rapporto di vicinanza molto stretto.

Il disturbo ossessivo compulsivo è caratterizzato da ossessioni e compulsioni nella maggior parte degli individui che ne sono affetti. Le ossessioni sono pensieri ripetitivi percepiti dalla persona come pericolosi e disturbanti, ma che sfuggono al suo controllo. Solitamente le ossessioni sono anche accompagniate da emozioni spiacevoli. Se le ossessioni sono pensieri o immagini, le compulsioni hanno la caratteristica di essere un vero e proprio passaggio all’atto. Si tratta cioè di rituali, comportamenti ripetitivi o anche azioni compiute mentalmente, che hanno lo scopo di ridurre l’ansia provocata dalle ossessioni. Un esempio, abbastanza comune nell’esperienza umana è l’ossessione per lo sporco che spesso porta come compulsione una necessità di lavarsi continuamente le mani.

Il disturbo di ansia generalizzata è caratterizzato da un costante stato di ansia, apprensione e anticipazione di esperienze negative. Anche questo disturbo è accompagnato da sintomi fisici (sudorazione, tachicardia, nausea, tensione muscolare, ecc.). Spesso questo disagio è associato a disturbi del sonno, depressione, abuso di sostanze.

Per attacchi di panico si intendono situazioni di paura estrema che insorge improvvisamente, accompagnate da sintomi fisici come tachicardia, nausea, pesantezza al petto e senso di soffocamento per cui chi ne soffre riferisce una percezione di pericolo di vita imminente.
In genere, il disturbo di panico insorge in seguito ad un primo episodio che condiziona la persona, la quale avverte una preoccupazione continua ed il terrore che l’episodio si possa ripresentare. Comincia così l’evitamento di tutte le situazioni percepite come fonte di ansia e, spesso, questo disturbo è talmente invasivo da condizionare i familiari affinché "sostengano" la persona nelle sue modalità di evitamento.

 
 
 
 

Contatti

Associazione Psicologia Relazionale - APR-Radici

Sede di Roma: Via Iacopo Nardi, 15
00179 Roma

Cell: (+39) 3394870680

EMAIL info@aprpsicologia.it

  

Su questo sito usiamo solo cookies tecnologici. Navigandolo accetti.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo