Errore
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 47
 
 

Fasi del rapporto sessuale dell'uomo

Fase dell'eccitamento
Quando il desiderio si trasforma in stato di eccitazione si verificano diverse modificazioni fisiche. La più evidente è l'accumulo di una quantità ulteriore di sangue nella zona genitale. Questo fenomeno prende il nome di congestione vasale, visibile nell'uomo in forma di erezione del pene.

La rapidità di tale trasformazione e l'eventuale raggiungimento delle massime dimensioni possibili dipendono dalla natura e dall'intensità dello stimolo e dalla età dell'uomo, infatti, di solito il raggiungimento di una piena erezione è più lento negli uomini anziani. Anche nell'uomo, come nella donna, si verifica l'erezione dei capezzoli, per cui il capezzolo diventa più duro ed eretto, e con il crescere della tensione sessuale, il battito cardiaco e la pressione del sangue aumentano.

 

Fase di plateau
Il pene raggiunge la massima lunghezza, larghezza e rigidità, i testicoli risalgono verso il perineo e compaiono le secrezioni di alcune ghiandole (ghiandole di Cowper). La fase dell'eccitamento e quella di plateau della risposta sessuale maschile sono indipendenti dalle ultime due fasi dato che nell’uomo vi può essere orgasmo senza erezione e viceversa.

Fase dell'orgasmo
Solitamente nell'uomo viene fatta coincidere con l'eiaculazione, infatti, la diminuzione del turgore, tipico del pene eretto, è indotta dall’eiaculazione o dalla cessazione dello stimolo erotico. Nell'eiaculazione vi sono due componenti. La prima, detta emissione, è formata dalla contrazione di una serie di muscoli e vasi sanguigni, dalle vescicole seminali e da quelle della prostata, così che le varie costituenti dello sperma si raccolgono nella porzione uretrale alla base del pene. L’eiaculazione propriamente detta si verifica quando lo sperma viene eiettato con forza lungo l’uretra dalle contrazioni ritmiche (una ogni 0.8 secondi) dei muscoli.

Fase della risoluzione
E' contraddistinta dal periodo refrattario, durante il quale è impossibile provocare un altro orgasmo o eiaculazione. Il periodo refrattario varia da pochi minuti a diverse ore e cresce con il ripetersi delle eiaculazioni ravvicinate e con l’avanzare dell’età. Gli uomini, dunque, non possono avere orgasmi multipli, possibili solo in età prepubere quando non c’è eiaculazione.

 
 
 
 

Contatti

Associazione Psicologia Relazionale - APR-Radici

Sede di Roma: Via Iacopo Nardi, 15
00179 Roma

Cell: (+39) 3394870680

EMAIL info@aprpsicologia.it

  

Su questo sito usiamo solo cookies tecnologici. Navigandolo accetti.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo