Errore
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 47
 
 

Depressione

In alcune esperienze della vita, ad esempio, un lutto, la delusione di non vedere realizzato quanto ci si aspettava, la rottura di un legame con una persona importante, è inevitabile la presenza della tristezza.

Ma la tristezza non è depressione, sebbene nella depressione vi sia sempre tristezza. La differenza fra la tristezza e la depressione vera e propria è che, nella prima, le origini del disagio sono abbastanza chiare e solitamente l’abbassamento dell’umore dura relativamente poco. Nella depressione, invece, può essere più difficile comprendere pienamente le cause. La persona lamenta una tristezza profonda, che si diffonde su tutta la sua vita. In genere, ricorda perfettamente l'episodio da cui è nato tale sentimento, tuttavia non sa indicare il perché. La persona depressa è in uno stato di perdita di interesse, demotivazione, mancanza di energie, sfiducia ed opera una graduale chiusura verso la realtà. Per questo motivo, in genere è molto faticoso per la persona depressa riuscire a chiedere aiuto e decidere di farsi aiutare.

 

Tale atteggiamento, frequentemente, viene visto dai familiari come una sorta di "mancanza di volontà" o "debolezza di carattere".
L’invito a "darsi una mossa", spesso, sortisce l’effetto contrario, rinforzando nella persona depressa un’immagine di sé negativa ed un senso di inadeguatezza, aumentando i sensi di colpa. I sintomi generalmente presenti (ma non tutti insieme) nella depressione sono: disturbi del sonno, aumento o diminuzione dell’appetito, perdita d'interesse per le attività quotidiane, incapacità di provare piacere, modificazione del desiderio e delle abitudini sessuali, autosvalutazione e sensi di colpa, tendenza a isolarsi dalla società e dalla famiglia. In particolare, la persona depressa è in genere "bloccata", inibita nell'esprimere i propri sentimenti, sottovalutando il valore dei propri desideri, ricercando costantemente conferme ed approvazione da parte degli altri. Nella terapia, quindi, sarà necessario esplorare tale modalità di relazione con la vita, in modo da acquistare più sicurezza ed autostima.

Letto 1790 volte
 
 
 
 

Contatti

Associazione Psicologia Relazionale - APR-Radici

Sede di Roma: Via Iacopo Nardi, 15
00179 Roma

Cell: (+39) 3394870680

EMAIL info@aprpsicologia.it

  

Su questo sito usiamo solo cookies tecnologici. Navigandolo accetti.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo